Alle Universiadi successi di spessore per il Frascati Scherma

Frascati Scherma sugli scudi alle XXX Universiadi, in corso di svolgimento a Napoli. Molte medaglie di valore sono state conquistate dagli atleti della scuola frascatana al PalaUnisa di Baronissi, a Salerno, dove si sono svolte le gare di scherma.

Nelle prove individuali il club tuscolano ha ottenuto ben quattro medaglie: un oro, due argenti e bronzi. Il momento più alto è stato toccato nel fioretto maschile, dove in finale si è giocato un “derby” per la medaglia d’oro tra Damiano Rosatelli e Guillaume Bianchi. Nell’atto conclusivo il primo ha avuto la meglio col punteggio di 15-10, dopo una straordinaria rimonta partita dal 9-6 in favore di Bianchi.

Nel fioretto femminile ottimo bronzo per Camilla Mancini, capace di arrivare in semifinale per poi arrendersi alla francese Patru che si è imposta con un tirato 15-13. Per quanto riguarda la sciabola femminile, ottimo argento per Lucia Lucarini, che ha perso solamente in finale ancora con una transalpina, Sara Balzer, che l’ha spuntata per 15-9.

Bottino ancora più prestigioso per il Frascati Scherma nelle prove a squadre, dove sono arrivati addirittura tre ori. La Mancini nel fioretto femminile ha trionfato assieme ad Erica Cipressa (oro nell’individuale) e a Martina Sinigalia. Senza ostacoli il percorso delle azzurre, che hanno battuto nettamente gli Usa ai quarti, la Cina in semifinale, prima di una vittoria piuttosto combattuta in finale contro la Russia, sconfitta col punteggio di 45-38.

Ancor più netto il successo del fioretto maschile con i frascatani Rosatelli (bis di ori per il nativo di Genzano) e Bianchi che, con Francesco Ingargiola, hanno travolto nell’ordine Cina, Russia e nell’ultimo atto la Corea, con un nettissimo 45-22.

Tris di ori completato dalla sciabola femminile dove con Lucia Lucarini, assieme a Michela Battiston e Rebecca Gargano, hanno sconfitto la Gran Bretagna ai quarti, la Russia in semifinale e la Francia nella finalissima, con il punteggi di 45-41.